A Cosenza la Fiera di San Giuseppe che rispetta gli animali

1846

Difficile che nei ricordi dei cosentini manchi l’immagine dei teneri pulcini colorati che, pigolando nella loro bustina di plastica, dondolavano nelle mani dei bambini che trionfanti li portavano a casa come regalo dellaFiera di San Giuseppe. Altrettanto difficile che quei bambini potessero capire perché quei piccoli esserini dopo poche settimane morissero. E gli adulti si sono sempre guardati bene dal dire che era proprio quel colore la causa della morte. La normativa sui diritti degli animali ha detto stop a questa, e ad ogni altra prassi, che si configurano come vero e proprio maltrattamento. A Cosenza, il Consiglio comunale ha adottato un regolamento a tutela degli animali nel 2003 che ribadisce il divieto alla vendita – così come alla cessione gratuita sotto forma di premio – di animali ed in particolare dei pulcini colorati artificialmente.

L’edizione 2012 della Fiera di San Giuseppe – la prima della consiliatura Occhiuto – esprime una ulteriore azione a sostegno della tutela degli animali. Marina Machì, assessore alla formazione della coscienza civica, si è fatta promotrice di una riunione che ha coinvolto la Polizia Municipale, in prima fila nell’opera di controllo e di sanzione di questa censurabile forma di commercio. “L’Amministrazione individua nellatutela degli animali uno strumento finalizzato al rispetto ed alla tolleranza verso tutti gli esseri viventi – afferma l’assessore Machì – e, in particolare, verso le specie più deboli. Intendiamo operare affinché sia promosso nel sistema educativo dell’intera popolazione, e soprattutto quello volto all’infanzia – conclude – il rispetto degli animali ed il principio della corretta convivenza con essi”. Al verbale, redatto assieme al Comandante della Polizia municipale, verrà data ampia diffusione attraverso i canali istituzionali, dall’URP agli Uffici delle attività economiche e produttive dove i commercianti si recano per ritirare i permessi.

La Polizia municipale sarà, nei giorni di fiera, coadiuvata dalle guardie giurate particolari dell’OIPA. I volontari dell’associazione animalista saranno impegnate in prima fila nella vigilanza sulla corretta detenzione degli animali. Questi agenti di polizia amministrativa per la tutela degli animali, in merito alle specie generalmente presenti nelle fiere – gli animali da affezione – hanno il grado di polizia giudiziaria, che le autorizza ad applicare sanzioni amministrative e penali. In caso di reato di maltrattamenti sugli animali si incorre nel rischio di sequestro e di pene pecuniarie fino a 30.000 euro, oppure nella detenzione fino ad un massimo di due anni di carcere. Un’altra speciale iniziativa all’insegna dell’amore per gli animali, voluta dall’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale, è l’edizione straordinaria della manifestazione “Fido t’affido” alla fiera di San Giuseppe. Durante la manifestazione curata dall’Azienda Sanitaria e dalle associazioni animaliste LAV e OIPA sarà possibile adottare gli amici a quattro zampe del canile comunale di Donnici. Lo stand sarà allestitosabato 17 marzo in piazza XI Settembre