20 Quintali di Prodotti raccolti nella giornata della colletta Alimentare

Momenti-Colletta-Alimentaree 20 Quintali di Prodotti raccolti nella giornata della colletta Alimentare
Scritto da: Mario Guido
Circa 20 quintali di prodotti alimentari sono stati raccolti dall’Associazione “ Banco di Solidarietà Santa Croce “ di Bisignano che ha partecipato alla “ Giornata Nazionale della Colletta Alimentare” con lo slogan “ Condividere il bisogno per condividere il senso della vita “.

       Il Banco di Solidarietà di Bisignano è nato dall’amicizia di un gruppo di persone che si sono ritrovate all’interno della Comunità Parrocchiale di S. Croce, allo scopo di contribuire a realizzare un’autentica opera solidale tra gli uomini valorizzando integralmente la persona in tutti i suoi vari aspetti.

      I volontari dell’Associazione aderiscono da tanto tempo alla “ Colletta Alimentare “ che si svolge, ogni anno, l’ultimo sabato di novembre e che ha come finalità quella di raccogliere derrate alimentari da devolvere alle famiglie bisognose.

     Dopo i risultati ottenuti lo scorso anno , tra i volontari è maturata l’idea di istituzionalizzare l’ìniziativa facendola diventare una esperienza stabile attraverso la costituzione dell’Associazione “ Banco della Solidarietà “.

    Scopo dell’Associazione non è tanto la raccolta di beni di consumo alimentare da distribuire alle famiglie e risolvere , così, il problema della fame, bensì quello di favorire un’esperienza di educazione alla carità cristiana, attraverso un gesto gratuito, dove, l’incontro con il bisogno dell’altro, diventa l’occasione di scoprire di più se stessi.

    Il Banco di Solidarietà di Bisignano fa parte della rete di Enti ed Associazioni aiutati dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus che fornisce tutti i prodotti alimentari che vengono distribuiti.

    Sono 60 le famiglie e 180 le persone di Bisignano che vengono regolarmente assistiti. Tra queste molti sono i bambini neonati per i quali vengono distribuiti alimenti di prima necessità insieme a prodotti per l’infanzia.

Mario Guido

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here