18 anni fa frate Umile veniva proclamato Santo

Letture: 1339
R&B Sport

19 Maggio 2002, sono passati 18 anni da quando l’umile fraticello bisignanese veniva proclamato Santo da Papa Giovanni Paolo II. Una data che rimane ancora impressa nella mente dei fedeli calabresi.

“Dalla pace di Cristo, principio ispiratore anche della pace sociale, si è fatto costante portatore Frate Umile da Bisignano. Nella nostra società, nella quale troppo spesso sembrano disperdersi le tracce di Dio, fra Umile rappresenta un lieto e incoraggiante invito alla mitezza, alla benignità, alla semplicità e a un sano distacco dai beni effimeri del mondo”. Queste le parole di Papa Wojtyla quel 19 maggio 2002.

Nato il 26 agosto 1582 a Bisignano da Giovanni Pirozzo e Ginevra Giardino, al battesimo ricevette il nome di Luca Antonio. Si fece ammirare fin da fanciullo per la straordinaria pietà: partecipava alla Messa quotidiana, si accostava alla mensa eucaristica in tutte le feste, pregava meditando la passione del Signore anche durante il lavoro dei campi. Ebbe fin da giovane il dono di continue estasi, tanto da essere chiamato “il frate estatico”. Fu dotato di altri insigni doni carismatici: la scienza dei cuori, la profezia, i miracoli e la scienza infusa. Fu beatificato il 29 gennaio 1882 da Papa Leone XIII. Infine, Giovanni Paolo II lo canonizzò in piazza San Pietro il 19 maggio del 2002.

Per ricordare quella data, oggi verrà celebrata la Santa Messa nel chiostro del Convento, a porte chiuse e trasmessa in diretta facebook sulla Pagina facebook del Santuario.