TSO ALL’AUTORE DELLO SFREGIO AL MURALES DI FALCONE E BORSELLINO

L’atto ignobile dello sfregio al murales che ritrae Falcone e Borsellino in corso di Porta Ticinese a Milano, pare abbia un suo colpevole. L’autore del fatto incriminato sarebbe già stato identificato dalle Forze dell’Ordine e sottoposto a Tso, in quanto soggetto che presentava già alcuni problemi. I commenti, come su tutti i fatti di cronaca e non, sono stati tanti e differenti. Si legge che alcuni trovino esagerato il Tso, ma sarebbe bene ricordare che i soggetti che presentano problemi mentali potrebbero essere pericolosi per se stessi e per la sicurezza pubblica, quindi, se “prevenire è meglio”, è bene che l’autore dello sfregio sia stato messo, dalla legge, in condizione di farsi curare: che poi disegnare una pistola puntata alla tempia di un uomo non è, solitamente, la prima cosa che una sana fantasia spinge a ritrarre.

Nota positiva di questa vicenda è la voglia dell’autore del murales di rinnovare il disegno, anche partendo da capo, visto che ormai la data di creazione dell’opera risale a ben 5 anni fa. L’artista Leonardo Gambini è già a lavoro per la riprogettazione per un futuro, sicuramente bellissimo, nuovo disegno.

Le idee non muoiono mai, cambiano gambe, cambiano volto e voce, ma l’urlo sarà sempre lo stesso.

Federica Giovinco

murales-gambini-300x284 TSO ALL’AUTORE DELLO SFREGIO AL MURALES DI FALCONE E BORSELLINO

Dm Web di De Marco Fabrizio