Le prime unioni politiche

logo_pd2_bisignano2-300x245 Le prime unioni politiche

Chi ha affermato che da “questa parte” e cioè oltre la maggioranza attuale non c’è nulla o perlomeno non c’è unione, viene smentito dai fatti. Infatti, è il caso di sottolineare che dall’ultimo incontro avuto tra i responsabile PD e UDC la fumata è bianca. Queste due realtà politiche locali si ritrovano a condividere un percorso che sicuramente li porterà unite alle prossime amministrative. E’ questo un modo per rispondere politicamente che una linea comune esiste prima di trovare il leader che dovrà confrontarsi con l’attuale sindaco della città. Il Segretario di Circolo del PD, Italo Fucile, e il Segretario di Sezione UDC, Pietro Lirangi, in un incontro che ha registrato una partecipazione attenta e propositiva, hanno dibattuto i temi della politica locale, riscontrando univocità di analisi e coincidenza di intenti. “ La discussione – si legge nella nota – si è svolta intorno all’opinione che i due partiti hanno sullo stato della politica nella nostra città, sull’analisi e il giudizio rispetto all’operato dell’amministrazione comunale, sul ruolo che PD e UDC intendono svolgere in relazione alle elezioni amministrative del 2012. Rispetto ai temi trattati – riferiscono i due segretari – è emersa la constatazione che la preminenza delle funzioni e delle attività politiche ha attraversato un lungo periodo di stasi che ha generato un vuoto di dibattito, di proposte e di partecipazione; in tale vuoto si sono inseriti elementi e surrogati che hanno prodotto lo svilimento della funzione dei partiti e un complessivo arretramento della capacità di coinvolgere la cittadinanza sulle scelte e le prospettive della nostra comunità e del nostro territorio. PD e UDC, pertanto, hanno convenuto sulla volontà comune di operare per il ripristino del ruolo e della funzione dei partiti, quali soggetti principali di elaborazione politica e di aggregazione della partecipazione e del consenso, ma riconoscendo a movimenti e organismi locali, che sviluppino interesse su tematiche particolari, una funzione positiva e capace di essere valorizzata nel quadro più complessivo dell’interesse generale e pubblico. Rispetto alla Amministrazione comunale, PD e UDC hanno convenuto sulla inadeguatezza della maggioranza ad affrontare e avviare a soluzione le gravi problematiche che affliggono la nostra Città e sulla assenza di idee, proposte, interventi che incidano complessivamente per rivitalizzare un’economia, un territorio, un centro, storico e urbano, avviati verso il decadimento. Di tutto ciò sono sintomo le crisi politiche dell’Amministrazione che attengono non ai meri rapporti tra i suoi componenti, ma ai gravi problemi amministrativi determinati da un bilancio comunale asfittico, dal forte indebitamento pubblico, dall’operatività che non persegue programmi e logiche determinati, ma improvvisazione e interventi a singhiozzo”. Inoltre, per il PD e l’UDC è necessario impegnarsi politicamente con programmi e proposte concreti, mettendo in campo esperienze e competenze in uno spirito di generale rinnovamento; i giovani e le giovani bisignanesi dovranno essere protagonisti diretti della partecipazione politica e culturale e ad essi il PD e l’UDC guardano con fiducia, affinchè emerga, finalmente, la nuova classe dirigente della nostra Città. “In questa prospettiva precisa la nota – è necessario che operi anche la rappresentanza politica dell’opposizione, ricucendo le file, partecipando attivamente alle attività istituzionali, facendosi portavoce delle proposte e delle iniziative politiche, culturali e sociali che sorgono dal territorio. In spirito di collaborazione, pur mantenendo i rispettivi e autonomi caratteri politici e organizzativi, il PD e l’UDC si propongono, dunque, di contribuire al bene comune della nostra Città, a cui è rivolto ogni interesse e ogni energia”.
 
Ermanno Arcuri
su Nuovasibaritide

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here