Intervengono i commercianti del centro storico

I commercianti del centro storico non ci stanno e come afferma Eugenio Ammirata, il commercio non è morto, anzi, ci sono iniziative che presto partiranno per rivitalizzare quella zona della città che è cuore pulsante. Sono intenzioni serie e quindi da tenere nelle dovute considerazioni, perchè la parte più antica di Bisignano possa tornare ad essere nevralgica per lo sviluppo. Così non è stata la valle, dove pur sempre sono presenti le maggiori attività produttive, che godono di arterie stradali che facilitano i trasporti, ma che quel commercio tanto sbandierato e propulsore di sviluppo si è arenato in questi ultimi anni.

In virtù di questa considerazione, i commercianti “storici” del centro storico che hanno stretto i denti, specie sotto la pressione della crisi in tutta la nazione, non mollano e sono intenzionati ad andare avanti. E’ vero che alcune attività hanno chiuso i battenti, ma se ci fosse un supporto istituzionale più concreto, le idee di alcuni lungimiranti commercianti locali, sicuramente riporterebbero gente e quindi clienti in Corso Vittorio Veneto. In programma, quindi, delle iniziative mirate per riqualificare lo stesso commercio di ogni tipo, che partono dal basso, da chi deve guadagnarsi la giornata che, è vero, in passato ha goduto di privilegi, ma che le seconde e terze generazioni di commercianti hanno dovuto segnare il passo, però cominciano a dare risposte concrete per invertire la rotta. Tutto questo avviene in sintonia con la riqualificazione dei centri storici di tutti i paesi, ma chi riuscirà a renderli di nuovo risorsa sulla quale contare per arginare anche l’incombente e duratura crisi che attanaglia le famiglie? Una popolazione che invecchia ha bisogno di maggiori servizi e quindi anche quei negozi che sino a qualche anno fa sembravano un peso, preferendo i centri più attrezzati, oggi ritornano di moda, con la consegna porta a porta dei prodotti e con manifestazioni a sostegno di investimenti che alcuni hanno sostenuto pur di rimanere ancorati nel cuore di questa città.

E’ lo steso Eugenio Ammirata che se ne fa promotore, assieme ad altri suoi colleghi, di un dialogo che sicuramente porterà buoni frutti nei prossimi mesi, con nuove idee che faranno discutere, che risulteranno novità che richiameranno non solo le attenzioni della popolazione, ma anche di quella dei paesi vicini. Una buona notizia, quindi, che pianifica un criterio di sviluppo economico che si rivela anche sociale, tutto cammina nella stessa direzione per dare credibilità ad una città troppo spesso lasciata a se stessa nelle decisioni che contano, in cui tante di queste sembrano senza alcun risultato, se è vero che se ne discute da sempre e si realizza poco. Questo fermento potrebbe innescare un messaggio da inviare anche ai centri limitrofi, ormai tutto viaggia su rotaie da percorrere assieme e l’economia ne è la principale locomotiva di traino. Con queste sinergie anche alcune associazioni che operano sul territorio e che ne fanno una bandiera di promozione, per lo slogan di sempre “assieme si vince”, non resta che documentare i prossimi sviluppi.

Ermanno Arcuri
su: Nuovasibaritide

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here