Fucile: “I bisignanesi subiranno un aumento dell’Imu sulle seconde case”

Il capogruppo di minoranza Francesco Fucile, interviene su una questione che interessa l’opinione pubblica e fa presente che: “In attesa che la giunta comunale vari la proposta di riequilibrio e variazione di bilancio – afferma il consigliere Fucile – che verrà sottoposta all’esame del Consiglio comunale entro il 30 settembre prossimo, alcuni atti deliberativi sono stati già predisposti per salvaguardare gli equilibri dell’esercizio finanziario. Tra riduzione di trasferimenti e previsioni di bilancio non del tutto azzeccate da parte del sindaco e maggioranza, i bisignanesi subiranno a decorrere dal primo gennaio 2013 un aumento dell’IMU per la seconda abitazione. L’aliquota di questi fabbricati sarà aumentata, infatti, dal 9 per mille al 10,60 per mille. In pratica il massimo dell’aliquota che il Comune può adottare.

Di fatto verranno riviste le entrate, riducendo quelle previsioni per le quali l’andamento della riscossione annuale  presentava uno scostamento consistente. In particolare è stata ridotta la previsione di entrata dell’IMU per  effetto delle nuove stime del Ministero dell’Economia, in quanto la previsione di entrata è inferiore al gettito ipotizzato.   E’ stato ridotto l’importo dei contributi statali (fondo di riqualificazione) di circa il 50 per cento dell’importo previsto. Sarebbe giunto il momento – sostiene Francesco Fucile – di attuare una politica più oculata, rivedendo alcune previsioni di spesa, eliminando le iniziative dettate dal populismo politico. Si potrebbe iniziare dalla riduzione dell’indennità di carica, alla revisione di alcuni servizi, alla cooperazione con operatori privati per il finanziamento di alcune iniziative. Questa giunta comunale tutto fa, però, tranne che adottare una politica di risparmio. Se a questo aggiungiamo la svendita dell’ex mercato coperto e la decisione dell’Amministrazione di bandire concorsi per nuove assunzioni, proprio in un momento così delicato per le finanze dell’ente e in controtendenza con le misure varate dal governo, di contenimento della spesa del personale, il quadro è davvero preoccupante”.

Ermanno Arcuri
su: Dirittodicronaca

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here