Detti e Proverbi

117105

“I rittati”   (i detti)
Antichi detti e proverbi del territorio, ancora in uso nei dialoghi bisignanesi.

Il proverbio (dal latino proverbium) è una massima che contiene norme, giudizi, dettami o consigli espressi in maniera sintetica e, molto spesso, in metafora, e che sono stati desunti dall’esperienza comune. Essi generalmente riportano una verità (o quello che la gente ritiene sia vero): si dice infatti che i proverbi sono frutto della saggezza popolare o della cosiddetta “filosofia popolare”, ma v’è chi sostiene che altro non siano che la versione codificata di luoghi comuni.

Argomento: AMICIZIA

Va cu chini è miagliu i tia e facci i spisi
(Vai con chi è migliore di te e facci la spesa)

Avanti chiazza ‘u gapiriri saccu
(Quando sei in compagnia di molte persone non togliere fuori ciò che possiedi in piccole quantità’)

 

Argomento: COMUNITA’

Visignanu Visugnusu senza chioviri ci sta ‘mbusu, cu nu tuaccu i campana è sciollatu visignanu

Acqua passata u ‘nni macina mulinu
(Non pensare alle cose passate, perchè non possono essere modificate)

Chini lassa a via vecchia pè a nova, sa chiru ca lassa, ma un sa chiru ca trova
(Chi abbandona la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia ma non sa quello che trova)

E’ nu fùacu i paglia
(E’ fuoco di paglia, un fuoco che ha breve durata)

Aiu fattu na via e dua sirvizi
(Con un viaggio è riuscito a compiere più servizi)

I guai ‘ra pignàta i canuscia a cucchijàra ca i riminìja
(I guai della pignata li conosce il cucchiaio che li mescola)

Na vota si futti ‘ra vecchia
(La vecchia può essere fregata una sola volta)

Si u pò piari l’irtu pii u pinninu
(Se non puoi percorrere la strada in salita (irta), vai per la strada in discesa)

Ti si ricùatu cur u culu ruttu e senza cirasa
(Hai fallito gli obiettivi nonostante l’impegno certo)

U fissa parra sempri u primu
(La persona sciocca si espone per primo)

U scarparu camina cu i scarpi rutti
Nessun artigiano pensa per se (il ciabattino cammina scalzo il fabbro ha lo spiedo di legno)

Vale cchiù ‘na bona parola ca ciantu lignate
Vale più una parola convincente che cento bastonate (è più persuasiva una buona parola che una dura punizione corporale)

Quannu chiòva …. e nu fa zanca
(Quando piove e non c’è fango)

Joca a biniri
(Sbrigati)

A vigna e l’uartu c’ari stari mùartu
(All’orto e ai lavori di terra bisogna dedicarci la vita)

‘Rrobba i l’atri currìa larga
(Con la roba degli altri cintura larga)

Mbesami ca tìagnu u stifàgnu
(Aiutare a mettere la cesta in testa alla contadina che ha messo u stifagnu, cioè il panno di sostegno tra testa e cesta)

 ‘u Chiuritu è chiù forti ru terramotu
(Lo sfizio è più forte del terremoto)

A fùacu er’a jumi un ti fari barunu
(Non scherzare con l’acqua e il fuoco)

Fa u fìssa pe nu jiri ara guerra
(Fa lo stupido per non andare in guerra)

I mappini su fatti tuvagli e ‘ri tuvagli su fatti mappini

Jiannu virìannu
(Andando avanti con il tempo si vedrà)

Pìarsichi, fichi e miluni ognuna a sua stagiuna

Chi vò beniri u terremotu a rotelle

M’ha fattu fari i stentina a mazzacordi!

Gira gira, u trutrulu và sempri ‘ncul all’uartulanu
(Comunque vadano le cose, a pagarne le conseguenze sono sempre le stesse persone)

Mali u fari, paura unn’aviri

Ari forestieri ci vò tagliatu manu, capa e piari
(Allo straniero bisognerebbe tagliare mani, testa e piedi)

 

Argomento: RELIGIONE

Quandu u riàvulu t’accarìzza vò l’anima
(Quando il diavolo t’accarezza vuole l’anima)

Senza Santi un si và’mparadisu
(I santi protettori – e non solamente nel senso religioso – aiutano a raggiungere traguardi ambiti)

U riavulu un tena piacuri e si vinna ‘ra lana
(Il diavolo non ha pecore ma  vende la lana)

Un ti vuagliu virari mancu appriassu a comuniona

Diu adduvi ti vo’ ti tena!

I ru mùartu e dù fujutu sinni parra tri juarni
(Del morto e della persona che scappa se ne parla 3 giorni)

Curu tiampu e ra paglia maturanu i niaspuli l’e ra canaglia

S’a gente si facissir’i cazzi sua si nzurassanu pur’i priavuti
(Se la gente si faccesse gli affari suoi, anche i preti si sposavano)

Maliritta chira trizza ca u vennari si ‘ntrizza benirittu chiru pani ca u vennari si scana

 

Argomento: ANIMALI

A gallina si spinna quannu è morta
(Alcune cose fanno fatte al momento opportuno)

A gatta tena setti spiriti
(La gatta, anche in una brutta caduta non si fa male)

A piacura rugnusa ‘mpesta tutta a mandra
(La persona disonesta spesso porta alla cattiva strada ance altri)

Figliu i gatta, surici piglia
(Il gattino cattura i topi proprio come la mamma, per indicare che ha lo stesso carattere)

‘A gatta pressarula ha fattu i figli cicati

Palummella muta un pò essari servuta
(Chi non espone i propri problemi non può essere accontentato)

U cani muzzica sempri aru sciancatu
(Il cane si accanisce con il disgraziato)

U pisci puzza da capu
(Il pesce puzza già dalla testa)

Attacca u ciucciu adduvu vò ‘ru patrunu
(Lega l’asino dove ti dice il padrone)

U pùarcu roppu mangiatu arruazzula ru scifu

A vurpa quannu unn’aiungia all’uva ricia ca è amara
(La volpe quando non arriva amangiare l’uva, dice che è amara)

 Si u ciucciu unni vò bìafa, a voglia ca fischi
(Se l’asino non vuole mangiare, è inutile chiamarlo; E’ un modo per dire che una persona è testarda, proprio come un asino”)

Unn’è pisci i fari broru
(Non è pesce da fare brodo)

‘A gallina ca camina si ricoglia cura vozza chijna

Aru cavallu jistimatu lì luccicar u pilu

Can’i caccia, cavall’i carrozza e donne mundane bona giuvintù e mala vicchiaia

Vò paglia pe cìantu cavalli

Na vota apper’unu ‘ncavallu u ciucciu
(A turno in groppa all’asino)

 

Argomento: DONNE E MOGLI

Vò a vutti china a mugliera ‘mbriaca
Non si può avere tutto , ma bisogna accontentarsi di qualche cosa

Chini bella vò appariri, guai e peni addi patiri
(Chi vuol arrivare a un traguardo importante deve impegnarsi e talvolta soffrire)

Ccu mugliera e ccu patrunu, sempri tuortu e mai raggiuna
(Con la moglie e con il padrone hai sempre torto)

Su u mbriastu era na cosa bona, si ‘mbrestavanu i mugliere
(Se il prestare è una cosa buona, la gente presterebbe la moglie)

 

Argomento: SOLDI

Senza sordi un sinni cantanu missi
(Senza soldi non si dicono le messe)

I debiti si pagànu, ‘i peccati si chiangianu
(L’obbligo del debitore verso il creditore non è diverso da quello che ha il peccatore verso Dio)

Sordi fannu sordi, pirucchi fannu pirucchi
(Chi è ricco diventa sempre più ricco, chi è pidocchioso rimane sempre pidocchioso)

Chi vò chioviri sordi